Il turāṯ tra sentimentalismo e critica del mondo arabo in Yawm al-dīn di Rašā al-Amīr

(Turāṯ between sentimentalism and criticism of Arab world in Rašā al-Amīr’s Yawm al-dīn)

in La rivista di Arablit, a. XI, n. 21-22, giugno-dicembre 2021, pp. 73-100.

Turāṯ, the rich literary, cultural and religious heritage of the Arab world, has attracted generations of Arab writers, who have exploited it with various aims and from different perspectives. Lebanese author Rašā al-Amīr uses turāṯ as a means to attack Islamists, their physical and psychological violence and the ideal of pure society they want to impose. This paper explores the way al-Amīr works with her heritage – of which she is very proud – in her novel Yawm al-dīn published in 2002 and how she made intertextuality one of its subjects. She deals with the religious and secular literary heritage – in particular the Qur’ān, aḥādīṯ and al-Mutanabbī’s poetry – in a binary way, using these texts to describe the challenges that her hero, the imām of a governative mosque in an unnamed Arab country, faces everyday in his public and private life. How can turāṯ save the contemporary Arab world?

«La letteratura è un albero gigantesco, ma le radici sono sempre le medesime, e la ri-scrittura è il processo che ne governa la crescita»1. Per numerosi scrittori arabi contemporanei, il passato è oggetto di desiderio, una vera e propria ossessione. Una delle manifestazioni più evidenti di questo interesse è l’ondata di intertestualità che ha pervaso il paesaggio letterario arabo degli ultimi decenni. I romanzi basati sull’intertestualità sono così numerosi che nel 1998 lo studioso Maḥmūd Ṭaršūnah ha coniato l’espressione madrasat tawẓīf al-turāṯ fī ’l-riwāyah al-ʻarabiyyah (la scuola che impiega il patrimonio letterario nel romanzo arabo) per indicare che i romanzieri che recuperano i testi arabi pre-moderni sono riconducibili a una vera e propria scuola2.

[…]


1 P. Boitani, Prima lezione sulla letteratura, Laterza, Roma-Bari 2007, p. XII.
2 Maḥmūd Ṭaršūnah, Madrasat tawẓīf al-turāṯ fī ’l-riwāyah al-ʻarabiyyah, in “Fuṣūl”, 17, 1 (1998), pp. 27-39.

This is an Article from La Rivista di Arablit - Anno XI, numeri 21-22, giugno-dicembre 2021

Acquista Back to Anno XI, numeri 21-22, giugno-dicembre 2021

L’Autore

Arianna Tondi |